VINÌCIUS JÙNIOR - 12/07/2000 - BRASILE

(di Marco Fanuli)








Agile, agilissimo. Fisico asciutto, forse troppo, ma in attesa di formarsi come atleta e come uomo. Qualità tecniche importanti, di quelle che difficilmente ti lasciano indifferente a prima vista.


Succede così che per vedere all'opera un giovane talento brasiliano di proprietà del Flamengo, si mettono in moto anche le due società spagnole più prestigiose, con al seguito le altre grandi d'Europa. Ma tra Real Madrid e Barcellona, sembra proprio quest'ultima ad aver fatto maggiori progressi nella corsa all'acquisto del "terribile" classe 2000 Vinicius Junior.

Il fatto che il suo dribbling e la sua posizione abituale in campo - ala sinistra - ricorda molto quello del suo modello Neymar, ha spinto una delegazione di osservatori blaugrana - capitanati da Pep Segura, responsabile tecnico dell'area formativa del club - a raggiungere il Cile per assistere alle prestazioni del 16enne brasiliano durante l'ultima uscita della nazionale brasiliana al Campionato Sudamericano U17 contro l'Ecuador. Il risultato è stato convincente a dir poco: gol di sinistro e gol di destro. Una doppietta che al minuto 30 chiude virtualmente la gara, arricchita come se non bastasse, da un susseguirsi di giocate da vero funambolo.




Prestazione non certo figlia di un unico episodio (come naturale stimolo alla presenza del club spagnolo), ma solo l'ultima di una lunga serie che ha visto la stellina originaria di São Gonçalo (comune dello Stato di Rio de Janeiro) illuminarsi in campo tra i pari età. Virale poi, pochi giorni fa, il video che lo immortalava in campo durante la partita contro il Paraguay, mentre ridicolarizzava i suoi avversari con un triplo sombrero, prima di essere letteralmente abbattuto da uno di essi per evidente frustrazione.

La caccia al gioiellino del Flamengo, quindi, può dirsi finalmente aperta, con Real Madrid e le altre grandi d'Europa (tra cui anche il Manchester United) che saranno alla finestra, non come semplici spettatrici, ma pronte a sfruttare qualsiasi passo falso del Barcellona nella futura trattativa (si parla già di cifre esorbitanti, con clausola intorno ai 30 mln). Non proprio una novità, visto il pasticcio passato dei catalani (tra il 2014 e il 2015), che bloccò il mercato in entrata per 2 sessioni.

Commenti