RIFONDAZIONE ITALIA: GLI U20 SU CUI PUNTARE

Embed from Getty Images
di Marco Fanuli - Il Fatto Quotidiano


Per l'Italia calcistica è tempo di rifondazione. Trasformare l'Apocalisse in un'opportunità è compito arduo, complesso e che richiede sicuramente del tempo. Difficile quindi far ripartire tutto il sistema calcio nazionale nell'immediato, ma qualcosa si dovrà fare. Iniziando proprio dalle fondamenta, dall'introduzione delle Seconde squadre (per partire perlomeno alla pari con il resto d'Europa), sempre più acclamate dai nostri club e mai prese veramente in considerazione da chi siede comodamente sulla poltrona decisionale. Nell'attesa, però, si potrebbe lanciare (o rilanciare) qualche giovane talento nostrano. Ecco l’elenco degli U20 italiani più promettenti del momento:


ATALANTA: il 2018 potrebbe essere l'anno dei 20enni Orsolini (di proprietà della Juventus) e dell'attaccante scuola Milan Vido. Ma occhio anche a tre prodotti di Zingonia classe '99 in rampa di lancio: il centrocampista Melegoni, l'ala Mallamo e il centrale difensivo Bastoni (già acquistato dall'Inter);

BENEVENTO: una squadra che non ha più nulla da perdere. Ecco che allora potrebbe tornare utile provare a pescare forze nuove dalla Primavera, come i centrali difensivi Donnarumma ('98) e Volpicelli ('99) o il terzino sinistro Sparandeo ('99);

BOLOGNA: il portiere della Primavera Ravaglia ('99) fa già parte del gruppo della Prima squadra, poi c'è il terzino sinistro Frabotta ('99), pronto a ripercorrere le orme di Adam Masina;

CAGLIARI: se i 20enni Barella e Romagna sono le piacevoli sorprese della stagione in corso, il terzino mancino Pitzalis ('00) ha bisogno di maggiore esperienza. Per lui il prossimo anno sarà fondamentale;

CHIEVO: oltre a possedere doti tecniche e fisiche, il giovane 20enne Depaoli ha già dimostrato di avere grinta e carattere, mentre il talento dell'ala italo-brasiliana Vignato ('00) è la grande scommessa per il futuro della società clivense;




CROTONE: finito il calvario, Mandragora ('97) sembra tornato ai livelli che lo competono, in attesa di rivedere Tumminello ('98) anche lui vittima della sorte. Un contributo importante potrebbe venire però anche da alcuni ragazzi della Primavera come il centrale difensivo Cuomo ('98), il portiere Viscovo ('99) e l'ala destra Borello ('99);


FIORENTINA: il popolo viola teme l'assalto delle big europee a Chiesa ('97), ma nei prossimi mesi potrebbe farsi largo un altro figlio d'arte e che potrebbe giocare nel medesimo ruolo del pupillo della fiesole: Sottil ('99). In attesa della grande chance per Lo Faso ('98), In Primavera spiccano i nomi del terzino Ranieri ('99) e della punta Gori ('99);


GENOA: Salcedo ('01) e l’enfant prodige Pellegri ('01) sono i pezzi pregiati del vivaio del grifone, ma occhio anche a Zanimacchia ('98), ala destra e capitano della Primavera genoana e al centrale difensivo Seno ('00);


INTER: Pinamonti ('99) è già stato etichettato più volte come vice-Icardi, ed attende la grande occasione sotto la guida di Spalletti. In Primavera, l'acquisto di Zaniolo ('99) dall'Entella appare come un investimento per il futuro, ma occhio anche al terzino destro Valietti ('99) e alla piccola, ma sempre concreta, punta Merola ('00);




JUVENTUS: Caligara ('00) ha già impressionato Max Allegri, il centrale difensivo e capitano dell'U18 Anzolin ('00) lo farà. Anche i due nuovi innesti nella Primavera bianconera, Olivieri ('99) e il figlio d'arte Portanova ('00), stanno dimostrando carattere e qualità;


LAZIO: la Lazio ha già fatto vedere che i giovani sono sempre ben visti dal tecnico Inzaghi. Ecco quindi che una chance importante potrebbe arrivare per il capitano della Primavera Miceli ('99) e per il terzino destro Spizzichino ('99);


MILAN: Donnarumma ('99), Cutrone ('98) e Locatelli ('98) sono esempi tangibili del grande lavoro fatto a livello giovanile dalla società rossonera. I prossimi potrebbero essere il centrocampista Zanellato ('98), il difensore centrale Gabbia ('99) e il promettente terzino destro Bellanova ('00);


NAPOLI: il trequartista Gaetano ('00) è forse il ragazzo con maggiore tecnica nella Primavera partenopea, senza dimenticare Zerbin ('99) e Palmieri ('00). Per la corsia di destra, Mezzoni ('00) rappresenta il nome più interessante nel vivaio napoletano;


ROMA: da un Pellegrini (Lorenzo) già affermato nel centrocampo di mister Di Francesco, ad un altro Pellegrini (Luca, classe '99) pronto a farsi spazio tra i grandi. Poi c’è l'ala destra Antonucci ('99) alla ricerca di una possibilità con De Rossi e compagni;


SAMPDORIA: il momento nero della Primavera doriana non ha impedito al trequartista Scotti ('00) di mettere in mostra tutte le sue qualità. Attenzione poi ai mediani Gabbani ('99) e Canovi ('01);


SASSUOLO: Adjapong ('98) è da considerarsi un titolare a tutti gli effetti. I neroverdi puntano molto sul rilancio italiano di Scamacca ('99), poi ci sono il centrocampista Frattesi ('99), l'ala Pierini ('98) e il regista basso Ahmetaj ('01);


SPAL: Tra i pali, il 20enne Meret (ancora fermo per infortunio) è il futuro. I classe '97 Bonazzoli e Vitale cercano il rilancio, mentre proveranno a guadagnare minuti nella massima serie, anche la punta Ubaldi ('99) e il difensore Boccafoglia ('98);


TORINO: bomber De Luca ('98) potrebbe tornar utile per far rifiatare Belotti, anche perché la porta ha sempre dimostrato di vederla molto bene. Millico ('00) è il nuovo che avanza;


UDINESE: Pezzella ('97) è già una sicurezza, mentre Pontisso ('97) potrebbe tornare utile in mediana. Intanto, in Primavera, la mezzala Samotti ('00) sta mettendo in mostra tutte le sue qualità da incursore;


VERONA: il Millennial Kean ('00) in prestito dalla Juve è stato già chiamato in causa più volte in questa prima parte di stagione. Ora si attendono gli esordi del terzino scuola Milan Felicioli ('97) e del centrocampista Danzi ('99). Perazzolo ('00) è la scommessa.

Commenti