TAKEFUSA KUBO - 04/06/2001 - GIAPPONE

Embed from Getty Images
di Lorenzo Petrucci

Negli anni a tantissimi promettenti calciatori è stato etichettato l’appellativo di "nuovo Messi", ma c’è chi con la Pulce argentina ha realmente condiviso lo stesso campo di allenamento. Si tratta di Takefusa Kubo, il giovane giapponese per 4 anni (dal 2011 al 2015) ha fatto parte della Masia conquistandosi il soprannome di "Messi 2".

Notato dal Barcellona nel Kawasaki Frontale all’età di 10 anni, Kubo è stato presto portato in Catalogna per restarci fino al 2015 quando poi, a causa delle sanzioni Fifa per il reclutamento di calciatori minorenni da parte dei blaugrana, ha dovuto fare ritorno in Giappone.

Tornato in patria non ha avuto difficoltà a trovare nuova sistemazione entrando nel settore giovane del Fc Tokio. La crescita di Kubo è stata esponenziale con la soddisfazione di debuttare con l’U23 nella terza serie giapponese a 15 anni, 5 mesi e un giorno e diventando il secondo giocatore più giovane a esordire nei campionati nipponici dopo Takayuki Morimoto.



Pochi mesi dopo debutta anche con in Prima squadra e il 14 marzo 2018 mette a segno il primo gol da professionista, decidendo la gara di coppa nazionale contro l’Albirex Nigata.
Classe 2001, il prossimo 4 giugno compirà 18 anni e nel suo orizzonte sembra prospettarsi un ritorno in Europa. Tra le pretendenti maggiori ci sono nuovamente il Barcellona, Paris Saint Germain e Manchester City. I primi, spingono per riportarlo in blaugrana, ma inglesi e francesi (che hanno già avviato i contatti per il suo trasferimento sotto la torre Eiffel) contano di strapparlo alla concorrenza spagnola. 

Seconda punta o trequartista dalle grandi qualità, risulta particolarmente abile nel dribbling. Spesso viene anche schierato anche come punta centrale o come falso nove proprio per la sua abilità nell'1 contro 1. Alto 173 cm e un fisico ancora del tutto da sviluppare, risulta fortissimo palla al piede e proprio come la Pulce ne condivide il piede mancino. Barcellona, City e PSG sono pronte a contendersi il giovane Kubo. Lui nel frattempo è pronto a svelarsi al mondo intero con il suo Giappone alle Olimpiadi. Occasione d'oro dato che la Nazionale nipponica ospiterà la manifestazione olimpica a partire da luglio 2020. 


Commenti